Andamenti e commenti sulle gare

Gli andamenti delle gare dell'anno, almeno quelle principali. Risultati e commenti.

---------------

Finali Campionati Nazionali CSI - 15 Maggio - Lignano Sabbiadoro

 ---------------

Che dire, su dodici atleti qualificati, sei primi posti...  bellissima gara dei nostri ragazzi.

Campioni nazionali Marco Ciardullo, Lorenzo Pernice, Pablo Dara, Eros Cassella, Riccardo Cancro, Mauro Pernice.

Bastano?

Gran bella gara delle ragazze: Ilenia Celberti, Agnese Pernice e Clarissa Bruni, molto bene in chiusura d'anno.

Sottotono ancora Andrea Gianelli, Simone Cavedini ed Alessio Luciano': impareranno dall'esempio dei loro compagni di squadra.

Ai quali vada il plauso di tutta la societa'.

Sono stati molto, molto bravi.

 ---------------

Qualificazioni Campionati Nazionali CSI - Febbraio, Marzo

---------------

Bene, sia i grandi, sia i piccoli.

Dei grandi non c'era da dubitare piu' di tanto, Riccardo e Mauro han fatto la loro gara senza problemi, Alessio, Giancarlo e Clarissa qualche problemino lo hanno avuto, ma han ribadito che questo e' il loro posto, questo e' il loro sport.

Rimandata a Settembre Agnese, anzi al 29 Marzo: la vera Agnese la vedremo a Volpiano, vedremo cos'ha in testa Agnese per quest'anno.

Nessun problema nei piccoli, Pablo ed Eros solita passeggiata, grande Ilenia Celiberti, con un primo ed un secondo posto conferma che Gavirate non e' stato un episodio, vuole stare tra quelli bravi anche lei.

Tra quelli bravi ci sta Marco Ciardullo, e ci staranno tra breve anche Andrea Gianelli e Fabio Pizzino, che da adesso iniziera' a vincere qualcosa, sempre di piu'.

Lavoriamo ancora pero' con Davide e con Simone, insufficienti solo le loro prestazioni: piu' grinta ci vuole, piu' testa, piu' determinazione.

Che sono mancate ad Agnese, e delle quali invece Ilenia, Clarissa, Pablo, Eros, Riccardo dispongono a piene mani.

---------------

XXI Trofeo Internazionale di Vittorio Veneto 8/9 Febbraio 2009

---------------

I progressi rispetto alla passata edizionne ci sono stati, eppure non veniamo via da Vittorio Veneto festeggiando. Siamo partiti con delle aspettative forse troppo alte, qualcosa non ha funzionato, gli atleti di punta han corso il rischio di prendere sberlone sul naso.

Molto sottotono Riccardo, al quale la categoria 66 Kg dice male, un passaggio di 2 categorie ed 11 chili in un anno e' troppo. Strana anche la prestazione di Agnese, che ad un incontro chiuso da una bravissima Toniolina e ad un incontro dominato con una sconosciuta fa seguire un terzo incontro altrettanto dominato nel quale ad un minuto dalla fine impazzisce e cambia sport.

Alle due punte completamente fuori forma e fuori testa subentrano fortunatamente altre due punte che non fanno mai mancare la loro prestazione.

Clamorosamente primo Eros Cassella, mai il Ko Dojo aveva vinto una categoria a Vittorio Veneto, tutti i suoi incontri vinti senza nessun pensiero. Dopo Montevarchi Eros conferma di essere un grande.

Buon terzo posto di Pablo Dara, che perde la semifinale con un Ucraino che e' anche un extraterrestre, ma che fa quel che vuole negli incontri rimanenti. Dopo Montevarchi Pablo conferma di essere un grande.

Infine buone prestazioni di due mediani che stanno crescendo.

Terzo posto di Mauro Pernice, con due incontri vinti, e finalmente (forse) non piu' la tentazione di scappare ad ogni incontro in piedi.

Nono posto di Giancarlo Ferreri, in una categoria con 50 atleti alla partenza, due incontri vinti non bastano per andare piu' avanti, ma bastano per poter dire che il ragazzo c'e' e ci sara' sempre di piu'.

Alessio e Clarissa non portano a casa ne' un incontro ne' un punto, ma sono due gare diverse le loro, per atteggiamento e livello degli avversari.

Cosi' come poco poteva fare Silvia Chiesa messa di fronte alla Campionessa Italiana assoluta Marisa Celletti, e che comunque ha dimostrato di avere tecnica scarsa ma cuore grande.

---------------

Trofeo Citta' di Castiraga Vidardo ( Lo ) 25 Gennaio 2009

---------------

E' la prima volta che partecipiamo a questo trofeo UISP, del quale ci avevano detto gran bene. All'inizio non ne capiamo il motivo. Un palazzetto ridicolo, i genitori ammassati come animali da allevamento, i ragazzini presenti in un quantitativo incontrollato ed assolutamente inadeguato alla struttura.

La mattina passa cosi', cerchiamo di limitare il senso di colpa per aver portato i genitori in un ambiente ostile, e piu' o meno i nostri ragazzini in gara si fanno rispettare, con quattro primi posti ( il solito Luca Bolla, poi Lorenzo Pernice, Marco Ciardullo, Vitou Bertoletti al suo eccellente esordio ).

Una menzione di merito per Marco Ciardullo in particolare, il quale e' stato piu' che evidentemente attento durante le lezioni di Gennaio, ed ha messo prontamente in atto cio' che ha appreso (alcuni ottimi ippon in Ko Soto Gake ed in O Uchi Gari basso ).

Nel pomeriggio cambia tutto.

Lasciando spazio alle categorie agonisti, per fortuna meno numerose anche e soprattutto in termini di genitori ed accompagnatori, il judo e' questa volta davvero venuto fuori, spiegandoci il motivo del buon nome che questo Trofeo porta con se'.

Diverse squadre lombarde molto blasonate, categorie mediamente piene e di buon livello tecnico, ma - sopra tutto - i ragazzi "grandi" di Akiyama ci han dato ancora una volta lezioni di judo, di tecnica e di impostazione.

Grande il divario tra Akiyama e Lombardia, signori, non ce n'e' per nessuno.

Oggi nel Ko Dojo mancavano tre dei quattro migliori atleti, a riposo in vista di Vittorio Veneto, quindi il riscontro diretto non c'e', ma - fatecelo dire - nessuno in Lombardia tira secondo gli standard di questa che a ragione e' da dieci anni la prima squadra d'Italia.

Le prestazioni dei nostri atleti agonisti sono solo medie, nessun primo posto, nessun ippon spettacolare.

La gara forse rappresenta in effetti un utile banco di prova in regione per gli atleti agonisti, sara' opportuno verificare il prossimo anno nel medesimo ambito i progressi effettuati.

---------------

Trofeo Citta' di Montevarchi ( Fi ) 17-18 Gennaio 2009

---------------

Un bel fine settimana, di quelli che si ricordano.

Con il camper, con cinque ragazzi che si sono divertiti, con un custode burbero ed un maestro toscano simpatico che ci han cacciati da tutti i posti dove cercavamo di imbucarci.

Ma di Judo?

"Di judo" questa volta parliamo di Pablo e di Eros. Dei nostri piccoli fra gli agonisti, che erano piu' piccoli ancora, Sabato, in quanto cedevano agli avversari 4 chili ( Eros ) e 6 chili (Pablo ), e un decimetro buono in altezza. Ma che le hanno date, dure, senza appello, con una tecnica magistrale, a tutti i loro avversari. Che hanno vinto i rispettivi semitabelloni e si sono incontrati per una finale primo-secondo posto il cui risultato e' senza importanza, e gia' dimenticato.

Atleti che hanno portato gli arbitri - a fine giornata -  a venirci a cercare, a farci i complimenti,  a dirci "vedere ragazzi come questi fa bene al cuore".

Che hanno sconfitto avversari del Kyu Shin Do Kay di Parma, del Centro Ginnastico Triestino, dell' OK Arezzo, del Banzai Cortina di Roma, tutte squadre tra le prime dieci in italia.

Atleti che hanno chiuso ogni incontro con una tecnica diversa, ed e' questo forse che fa bene al cuore. Non e' il ragazzino che tira forte una tecnica ma tira solo quella: e' spazio alla fantasia, alla scelta dell'opportunita'. E' omaggio al Judo.

Di fronte a questa prestazione trova poco spazio un ippon in Uki Waza di Giancarlo Ferreri in due secondi e mezzo, ne trovano di meno l'Awasete Ippon in Tani Otoshi di Alessio Luciano' ed il carattere dimostrato da Diego Pilotto.

Oggi celebriamo - consentiamocelo - la prima volta in cui in Italia si sono - per davvero - accorti di noi.

---------------

JudoBoy - Sesto San Giovanni - 29 Novembre 2008

---------------

Un'ulteriore bella figura. Ai primi posti di Eros, di Luca e di Sara, che a questo ci hanno abituati, si aggiungono alcune sorprese: Alessio Luciano', e va bene, ma Simone Cavedini, Riccardo Pratesi, Alessandro Rossi sono per la prima volta sul gradino piu' alto del podio. Siamo particolarmente contenti per il risultato di questi bimbi, cintura gialla, che ce la stanno mettendo tutta in allenamento, e che finora avevano fatto mancare in gara - chi piu' chi meno - il loro contributo alla squadra. Resta lungo il percorso da effettuare, ma una bella soddisfazione come il vincere  una poule del Judoboy puo' fornire ulteriori energie e motivazioni a questi ragazzi per proseguire positivamente il loro studio.

Quattro secondi posti, tutti di buon auspicio.

Clarissa prosegue nel suo cammino di competitivita' in vista dei Campionati Nazionali di Febbraio. Il tempo e' pochissimo per migliorare, ma lei sta combattendo - pur fuori forma - con atlete cinture blu e marrone giocandosi ogni incontro alla pari: dice bene.

Vincenzo vince il suo primo incontro in gara, e dimostra una notevole freddezza che opportunamente sfruttata potra' dare buoni risultati negli anni a venire.

Rachele prosegue la sua crescita regolare, e' un'atleta capace e predisposta, potra' raggiungere alti risultati in futuro.

Lorenzo Pernice per la prima volta nella vita fa' JUDO e non LOTTA. Per la prima volta se chiedono "di chi e' quest'atleta" non ci vergogniamo di dire "e' nostro!".

Per gli ultimi tre, se continuano cosi', va' tutto bene.

Due terzi posti da applaudire sono quelli di Ilenia e di Fabio: la prima combatteva contro atlete di esperienza grandemente superiore, il secondo si e' trovato per qualche errore in una poule di ragazzi decisamente piu' alti e grossi di lui: entrambi, avendo vinto due incontri e persi altrettanti, han dato una prestazione soddisfacente.

Con motivazioni diverse non siamo soddisfatti oggi delle prestazioni di Agnese, e poi di Riccardo Gaglione, e di Jobelle.

Tutti e tre han dimostrato unn problema di testa, di atteggiamento, di scarsa fiducia nei propri mezzi: occorre assolutamente intervenire su questo problema.

---------------

Trofeo Topolino - Torino - 22-23 Novembre 2008

---------------

Nella tana del lupo.

Due gare diverse, storie diverse, tra grandi e piccoli.

La gara dei preagonisti e' strana, ma non troppo difficile.

Imprevisto giunge il fatto che si tiri in piedi: tutti, anche i piu' piccoli, anche Luca Bolla; anche Rachele e Vincenzo, che fino a li' non avevano mai sperimentato una sola presa in piedi. Ma un po' la formula a poules di quattro, un po' la fortuna, ce la caviamo senza troppi tonfi: primi Sara e Lorenzo Pernice, secondi Eros, Marco e Luchino... insomma niente trionfalismi ne' recriminazioni, il primo confronto con le torinesi a Torino ci lascia abbastanza fiduciosi.

Diversa la gara degli agonisti, che sapevamo essere molto competitiva.

Ha dato buona prova di se' Riccardo, che perde un incontro per svista arbitrale, ma giunge comunque terzo dimostrando che senza sviste arbitrali anche in Piemonte non c'e' nessuno che gli dia pensieri.

Discreta la gara di Clarissa, che giunge quinta in una categoria dominata da un'atleta polacca dopo la quale - pero' - le altre, le italiane, sono li', piu' o meno tutte allo stesso livello.

Meno bene Agnese ed Alessio che perdono entrambi gli incontri senza far punti, entrambi hanno certo subito tanto lo stress della lunghissima gara quanto il timore del tirare nella tana del lupo.

Resta per gli agonisti l'esigenza di tornare a tirare in Piemonte appena possibile.

---------------

Trofeo Nazionale a squadre di Somma Lombardo - 16 Novembre 2008

---------------

Eros era con il S.Carlo al mattino, il Ko Dojo non ha fatto la squadra Ragazzi. 
Il S.Carlo ragazzi e' arrivato secondo su nove, perdendo la finale con Akiyama
A per 4-1.
Eros ha dispoutato cinque incontri con 5 vittorie, due splendidi ippon in Ippon
Seoi Nage, uno dei due ad Aki A in finale: e' l'unico del San Carlo
ad avere fatto punto contro Aki A.
Gara molto, molto valida di Eros, che - se ricordo bene - non ha preso
neppure un koka contro.
Da tutti complimenti e ringraziamenti.

Bambini: garone.
Luchino (+4-0=1), Lorenzo Vannini(+1-4), Sara (+5-0), Giuseppe Infantile
(+3-2), Riccardo Pratesi (+4-1).
Che squadra, ragazzi.
Tifo indiavolato dei compagni, piu' Agnese e Mauro che sono venuti per fare il tifo.
5-0 con il Valpolicella B, 2.5-2.5 con Akiyama A e 4-1 con il Ken Kyu Kai, andiamo in semifinale dove battiamo per 4-1 il Valpolicella A, infine riincontriamo in finale l'Akiyama A che aveva battuto Aki B in semifinale, questa volta perdendo per 3-2.
Secondi.
Grande, grandissima gara.
Grande soddisfazione del maestro e dei genitori.
Molto bene Luchino, Sara, ed anche Riccardo, certo.
Giuseppe in fondo ha perso due volte ma sempre con lo stesso ragazzone dell' Aki A, gli regalava 4 chili almeno, ci sta.... bravo anche Giuseppe.
Lorenzino ha fatto quello che ha potuto, ha un mese di judo (e' l'ultimo ad essersi iscritto al primo turno); ha sorriso, si e' divertito, e' stato orgoglioso di essere in una squadra vincente. Va' lodato il carattere, non si e' tirato indietro, lui non lo sa cosa vuol dire essere contro Akiyama, per lui si e' trattato di un gioco, e va' bene cosi'. 

Fanciulli: cosi' cosi'.
Jobelle (+1-2), Andrea (+1-2), Rachele (+1-2), Marco (+3-0) e
Lorenzo Pernice (+2-1) ci qualificano al quinto posto su 14.
Ad eliminazione, 4-1 sul Ko
Sen, 3-2 sul Ken Kyu Kai, 1-4 dall' Akiyama A.

Marco le ha vinte tutte, e bene anche;
Rachele, che ci ha dato dentro, diventera' senza dubbio fortissima.
Jobelle e' stata timidina, ha fatto quel che ha potuto, si e' divertita, non
le chiediamo nulla di piu'.

Chiediamo di piu' invece ad Andrea e a Lorenzo, che han combattuto
come sempre, come fabbri, tecnica zero, solo spingere, cosi' se hai piu' muscoli
vinci tu, se hai meno muscoli ( o uguale ) perdi, cosi' e' andata.
[Andrea ha vinto l'unico incontro agevolmente contro una cintura marrone. Inutile dirgli che se un bimbo di nove anni ha su la marrone invece che preoccuparsi del bimbo bisognerebbe preoccuparsi della sanita' mentale del suo
maestro... era pietrificato, terrorizzato, giacche' l'aveva puntato subito appena
arrivato in palestra, poi se lo e' trovato di fronte al primo incontro. Venti secondi bloccato in attesa che questo marziano facesse chissa' quale magia, poi ha detto "Via" e gli ha fatto ippon in un attimo... lascio immaginare i commenti sarcastici di Agnese, Mauro, ma soprattutto di Sara e di Luchino....]
Ci sono mancati loro, Andrea e Lorenzo, per bissare con i fanciulli la
prestazione che hanno avuto i bambini.

comunque, gran bella giornata.

---------

Trofeo Citta' di Lodi - 9 Novembre 2008

---------

Non vorrei che i risultati che stiamo ottenendo in regione ci distraessero da alcune cose che abbiamo capito nelle prime due gare dell'anno.

Mantenendo - quindi - un profilo basso, devo dire che abbiamo visto molte belle cose oggi.

Molto bravi Luchino Bolla, Giuseppe Infantile e Pablo, tutti e tre han dato molto, e han fatto vedere di essere una spanna sopra i loro avversari ( oggi, e in Lombardia ).

Poi Diego "toh chi si rivede" Pilotto, vediamo se inizia anche a studiare un po' e a prendere il judo sul serio.

E altri bei piazzamenti di Ilenia Celiberti, Riccardo Pratesi, Eros Cassella (autore comunque di una bella gara), Riccardo Gaglione.

Sulla strada del miglioramento Lorenzo Pernice e Luca Tricarico.

Restiamo perplessi sull'atteggiamento di gara di Simone Cavedini e di Davide Taffini, sui quali andremo a lavorare, ma questi stanno in una squadra di vincenti, ed il loro atteggiamento non potra' non trarne vantaggio.

Bene, quindi, la giornata.

Bisogna guardare al futuro, e chiederci - uno per uno - dove possiamo e dove vogliamo arrivare.

---------

Trofeo Arcobaleno - FIJLKAM - Ciserano 1 Novembre 2008

---------

I risultati non traggano in inganno. Su nove atleti iscritti abbiamo totalizzato ben sei primi posti. Grande gara? Assolutamente no. Innanzitutto gara troppo semplice, livello troppo basso, poco impegnativa, quindi, da un punto di vista, inutile.

Inoltre se Pablo ed Agnese han tirato benino, e Luchino ha tirato MOLTO bene, pare che il lavoro in Ne Waza di palestra non riesca a modificare il tipo di atteggiamento in gara dei vari Lorenzo Pernice, Marco Ciardullo, Andrea Gianelli, in qualche miusura anche di Eros, che proseguono - e a Bergamo ci riescono anche - a basare il loro judo solo ed esclusivamente sulla forza e sulle qualita' innate.

Quindi, cambieremo tipo di gara, e preferiremo d'ora in avanti andare a far gare solo dove il livello degli avversari obblighi ad usare la tecnica per risultare vincitori.

------------

Memorial Maria Bellone - Novara - 26 ottobre 2008

------------

Non abbiamo mai preso cosi' tante botte in una gara. Quattro ragazzi convocati nella rappresentativa regionale, ma solo tre tirano: Riccardo Cancro deve dare forfait in quanto infortunato dalla Slovenia.

Solo Alessio Luciano' vince un incontro, tutti e tre ne perdono due.

Meglio Agnese Pernice, mentre Alessio e Giancarlo Ferreri denunciano gli stessi identici problemi manifestati in Slovenia.
Questa volta non c'erano di fronte i croati o i ceki, ma solo - si fa per dire - i piemontesi.

Peraltro anche gli altri ragazzi lombardi convocati hanno fatto magri bottini, la migliore Roberta Chiodi del Body Park Bergamo, seconda.

La rappresentativa regionale ha collezionato in tutto 4 incontri vinti su 8 partecipanti.

E' vero che il piemonte e' di gran lunga la prima regione d'Italia, nel judo, ma addirittura mancava - per motivi politici - l'Akiyama!!!!

Con l'Akiyama in campo, i risultati sarebbero stati tragici.

C'e' un problema di testa - come nell'Ottobre 2007 - da risolvere. Sara' compito dei Maestri trovare il modo di tirar fuori le potenzialita' che hanno i nostri allievi.

Passera', senz'altro, attraverso un maggior numero di gare in Piemonte.

------------

Trofeo di Slovenia - Koper - 12 Ottobre 2008

------------

Non e' andata male, abbiamo portato i nostri bimbi - i piu' grandi ed i piu' piccoli - al loro primo trofeo in terre straniere. Gara con la presenza di atleti dalla Bosnia, Croazia, Austria, Ungheria, Cekia, Svizzera, Francia, ed Italia. Oltre che Slovenia.

Comprensibile lo smarrimento dei piu' di fronte ad altoparlanti invasivi che urlavano continue informazioni incomprensibili, arbitri molto molto paesani, soprattutto avversari dotati di  una carica energetica e vitale incredibile.

Siamo stati sbatacchiati, sormontati sulle prese, sulla forza delle braccia, sulla grinta, ma non sulla tecnica.

Grandi Pablo Dara e Riccardo Cancro, anche se si e' infortunato, quelli se li sognano degli atleti cosi'.

Poi discrete prestazioni di un Eros Cassella addormentato, di un Lorenzo Pernice scoordinato, di un Luchino Bolla intimidito.

Gli altri, un po' le hanno prese, un po' le hanno date, piu' prese che date in verita'.

Ma non modificherei nulla sull'impostazione degli allenamenti, occorre forse solo introdurre un po' piu' di "impeto".

Tecnicamente ce la giochiamo, ed in alcuni casi hanno solo da invidiarci, come Riccardo e Pablo hanno dimostrato.

Se Sara Bolla si e' presa una giornata di riposo, ha mandato una supplente. Brava Jobelle, coraggiosa, speriamo che vada avanti cosi'.

Calendario Eventi
« September 2017 »
Su Mo Tu We Th Fr Sa
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Contatti

A.S.D. Ko Dojo Rozzano Judo

Sede legale:

Via Ca' de' Giorgi 52 - Pinarolo Po (PV)


Palestra di Rozzano:

Comprensorio sportivo -

v. M.te Amiata - Rozzano (MI)

(in corrispondenza del semaforo)

 

Palestra di Pavia:

Via Emilia - centro commerciale Romera - palestra StarBene
Torricella Verzate ( PV )


Tel: 3387977530 (Dara)

Tel: 3356000758 (Gangi)

Email: info@kodojo.it

 

-